La redazione di noi stessi

VuvuzelaOggi una persona a me cara scrive l’email che riporto. Di seguito trovate la mia risposta. La tematica è attualissima e molto discussa.

Mail
<<
Oggetto: preferite lo sfondo?

Corpo del messaggio:

L’elettronica e la fine della prospettiva privata

Vorrei richiamare l’attenzione su un ribaltamento altrettanto drastico del rapporto tra figura e sfondo che tutti noi attualmente stiamo sperimentando.
Con l’elettronica, viviamo in un mondo di informazione simultanea in cui condividiamo immagini che arrivano istantaneamente da tutte le direzioni nello stesso momento.
Se lo spazio acustico è una sfera il cui centro è ovunque e il cui margine è in nessun luogo, questa sua caratteristica si è ora estesa a tutte le strutture di informazione che vengono esperite in ambienti costituiti dalla tecnologia elettrica.
In altre parole, l’uomo occidentale e civilizzato, da lungo tempo abituato a una prospettiva privata e individuale e a strutture giuridiche e politiche coerenti con tale visione, adesso si ritrova immerso in un ambiente acustico.
E’ come se il bambino nell’abitacolo dell’aeroplano si ritrovasse all’improvviso in un ambiente sconfinato e silenzioso, a esprimere desideri mentre guarda le stelle cadenti, per così dire.
L’orientazione dell’uomo visivo, la sua prospettiva privata, il suo punto di vista individuale e i suoi obbiettivi personali sembreranno tutte cose cose irrilevanti nell’ambiente elettronico.
E c’è un’altra particolarità di questo ambiente simultaneo con il suo accesso istantaneo a tutti i passati e a tutti i futuri: la comunicazione non avviene attraverso il semplice trasporto di dati da un punto all’altro. In realtà, è il mittente ad essere inviato, ossia, in un certo senso, chi invia il messaggio diventa messaggio.
Il mondo elettrico e simultaneo ha cominciato a manifestarsi e a influenzare la nostra coscienza dalla metà del XIX secolo.
C’è una strana proprietà dell’innovazione e del cambiamento che può essere riassunta dicendo che gli effetti tendono a precedere le cause.
Si può mettere anche in altro modo: lo sfondo tende a venire prima della figura.
Marshall McLuhan, 1973

http://it.wikipedia.org/wiki/Dolby_Surround
>>

Mia risposta
<<
Oggetto: Pubblicità (morbosa?)

Corpo del messaggio:

Davvero impressionante per l’anno in cui è stato scritto!
Dell’ipotesi di McLuhan che il medium sia IL messaggio ho più volte discusso con XYZ [una mia amica ndr].
Devo dire, però, che questo pezzo sulla sfera privata occidentale e l’attuale uso dei social network è notevole e sostanzialmente vero.
Per alcuni di noi la privacy non esiste più e lo è per scelta. Infatti, in questo momento di passaggio, sono due le tipologie di umanità: quella che condivide ogni istante della propria vita per essere e quella che da questo stato di cose si sente violentata.
Quanto poi questo essere virtuale (il messaggio) coincida con la verità è tutto un altro discorso.

L.
>>

Per non essere da meno ho pubblicato il tutto sul mio sito 😉 .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...